Carta Amalfi…la classe intramontabile

Molto spesso gli sposi arrivano da noi con una idea precisa:

“per le partecipazioni vogliamo la Carta Amalfi”


Foto dal sito “Scuderie del Duca”

Questo tipo di carta, amata e odiata allo stesso tempo, ha radici molto lontane e soprattutto molto umili: la lavorazione della carta di Amalfi consisteva nel raccogliere stracci e tessuti preferibilmente di cotone, che venivano poi battuti da magli di legno per spezzarne le fibre. 
La matassa così ottenuta veniva posta a macerare in tini maiolicati in abbondante acqua. Trascorso un certo periodo, gli stracci si disfacevano, amalgamandosi col liquido nel quale erano stati lasciati in infusione. Nella sostanza semiliquida così ottenuta veniva immerso un telaio in ferro, la cui rete a maglie strettissime tratteneva la parte più solida lasciando colare l’acqua in eccesso. 
Lo strato di pasta veniva quindi spianato da una pressa e posto ad asciugare. 
Terminato il processo di essiccazione, ecco pronto un foglio di raffinatissima carta di Amalfi (detta anche, all’epoca, bambagina): su di esso spiccava quasi sempre la filigrana del produttore, che il telaio in ferro imprimeva indelebilmente sulla pasta raccolta nel tino, per semplice pressione.

Su questa carta, molto naturale, si consiglia la stampa inkjet perché la cottura tipica della stampa laser potrebbe appiattire le fibre della carta e coprirne le imperfezioni che la rendono tanto preziosa.
Il colore della Carta Amalfi è inconfondibile e si attesta sui toni dell’avorio, più o meno scuro, con venature più chiare.
Sui bordi di ogni foglio, inoltre, si nota evidentemente la lavorazione manuale e poco meccanizzata che prevede un taglio “a strappo”, mai netto e sempre molto naturale. 

A che colori abbinare la Carta Amalfi?

A tutti ovviamente! Il color avorio della carta si sposa perfettamente con toni caldi e freddi, non è inusuale, infatti, ricevere richieste di stampa dai toni del seppia, al rosso cardinale, al blu oltremare.

La Carta Amalfi è davvero un classico intramontabile…
Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0