Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando

Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando

Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando


— Leggi su ilsalvadanaiodisupermamma.it/2017/04/08/come-organizzare-un-matrimonio-low-cost-consigli-di-sposiamoci-risparmiando/

Oggi voglio condividere questo utilissimo post mirato ad organizzare un matrimonio all’insegna del risparmio!Chi l’ha detto che sulle nozze non si può risparmiare?Certo che è possibile e Francesca Super-Mamma ci spiega come!

Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0

Partecipazioni sostenibili

Scegliendo le partecipazione si può dare una mano all’ambiente, sapete?🌳Oltre che utilizzando carta riciclata, possiamo scegliere le partecipazioni “piantabili”! Abbiamo scovato una piccola azienda che si occupa di realizzare partecipazioni in carta piantabile:

La Carta Piantabile è una carta fatta a mano. La produciamo riciclando gli scarti delle nostre lavorazioni che avanzano dalla carta agli agrumio dalla carta riciclata da macero. La sua particolarità assoluta risiede nell’utilizzo di semi per decorarla:  questi ultimi oltre ad avere una valenza estetica, rendono la carta piantabile.

La carta può essere piantata; nel periodo primaverile ed estivo, nel giro di una o due settimane, germoglia, dando vita a tanti fiorellini colorati. In questo modo, non è necessario riciclare o riutilizzare, ma è l’oggetto stesso che si trasforma in qualcos’altro. Qualcosa di cui beneficia l’ambiente e che indirettamente educa e spinge a coltivare la bellezza della natura. Il messaggio che lascia a chi la riceve è molto bello e significativo: l’amore e la vita se coltivati, curati e nutriti crescono.

La carta viene lavorata con tecnica tradizionale: lasciata a bagno per 48 ore circa, viene poi sminuzzata, e le fibre del macero vengono raccolte in recipienti pieni d’acqua.

Vengono successivamente immersi dei canovacci retati nell’impasto, in modo che le fibre lascino l’acqua e si leghino nuovamente tra loro.
I fogli, trasferiti su feltri, vengono pressati per eliminare gli ultimi residui di acqua e messi ad asciugare all’aria aperta.

Allora perché non avere una attenzione speciale per il nostro bel verde?Di seguito il link dell’azienda che produce questa carta.Eccofatto Art

Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0

Carta Amalfi…la classe intramontabile

Molto spesso gli sposi arrivano da noi con una idea precisa:

“per le partecipazioni vogliamo la Carta Amalfi”


Foto dal sito “Scuderie del Duca”

Questo tipo di carta, amata e odiata allo stesso tempo, ha radici molto lontane e soprattutto molto umili: la lavorazione della carta di Amalfi consisteva nel raccogliere stracci e tessuti preferibilmente di cotone, che venivano poi battuti da magli di legno per spezzarne le fibre. 
La matassa così ottenuta veniva posta a macerare in tini maiolicati in abbondante acqua. Trascorso un certo periodo, gli stracci si disfacevano, amalgamandosi col liquido nel quale erano stati lasciati in infusione. Nella sostanza semiliquida così ottenuta veniva immerso un telaio in ferro, la cui rete a maglie strettissime tratteneva la parte più solida lasciando colare l’acqua in eccesso. 
Lo strato di pasta veniva quindi spianato da una pressa e posto ad asciugare. 
Terminato il processo di essiccazione, ecco pronto un foglio di raffinatissima carta di Amalfi (detta anche, all’epoca, bambagina): su di esso spiccava quasi sempre la filigrana del produttore, che il telaio in ferro imprimeva indelebilmente sulla pasta raccolta nel tino, per semplice pressione.

Su questa carta, molto naturale, si consiglia la stampa inkjet perché la cottura tipica della stampa laser potrebbe appiattire le fibre della carta e coprirne le imperfezioni che la rendono tanto preziosa.
Il colore della Carta Amalfi è inconfondibile e si attesta sui toni dell’avorio, più o meno scuro, con venature più chiare.
Sui bordi di ogni foglio, inoltre, si nota evidentemente la lavorazione manuale e poco meccanizzata che prevede un taglio “a strappo”, mai netto e sempre molto naturale. 

A che colori abbinare la Carta Amalfi?

A tutti ovviamente! Il color avorio della carta si sposa perfettamente con toni caldi e freddi, non è inusuale, infatti, ricevere richieste di stampa dai toni del seppia, al rosso cardinale, al blu oltremare.

La Carta Amalfi è davvero un classico intramontabile…
Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0