Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando

Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando

Come organizzare un matrimonio low cost? I Consigli di Sposiamoci Risparmiando


— Leggi su ilsalvadanaiodisupermamma.it/2017/04/08/come-organizzare-un-matrimonio-low-cost-consigli-di-sposiamoci-risparmiando/

Oggi voglio condividere questo utilissimo post mirato ad organizzare un matrimonio all’insegna del risparmio!Chi l’ha detto che sulle nozze non si può risparmiare?Certo che è possibile e Francesca Super-Mamma ci spiega come!

Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0

Confetti Pelino… scelta “Reale”

Leggiamo con un pizzico di orgoglio che per le nozze di Harry e Megan, i reali inglesi hanno scelto i confetti Pelino e questo ci piace tanto!!!

Arriveranno dall’azienda Pelino di Sulmona i confetti per il matrimonio reale di Harry e Meghan che sarà celebrato sabato prossimo. È una tradizione che lega l’azienda alla Corona inglese. Prima il matrimonio di Carlo e Diana, poi William e Kate. Un Made in Italy eccellente che continua a far parlare di sé per come viene prodotto (niente farina, niente amido ma solo zucchero e mandorle di Avola). La Pelino fa parte anche dell’associazione Internazionale Les Hènokien che, dal 1981, raggruppa le aziende considerate storiche. Una ricetta leggendaria che risale alla fine 1400, originaria e originale di Sulmona e che ancora, oggi, ripropone la fragranza di un tempo. Per i giovani sposi, sono stati ordinati i classici confetti nuziali e composizioni floreali.

Fonte Il Centro

Il confetto è un dolce tradizionale formato da una mandorla ricoperta da uno strato sottile e croccante di zucchero. Conosciuti negli Stati Uniti come Jordan Almonds e in Francia come dragées, questi prodotti tipici della tradizione dolciaria italiana sono irrinunciabili in ogni cerimonia, dal matrimonio al battesimo, dalla laurea all’anniversario di un lieto evento.

Ricoperti di miele in epoca romana, i confetti hanno assunto la tipica copertura zuccherina intorno al 1400, in seguito all’arrivo dello zucchero sui nostri mercati. La città medievale di Sulmona, in Abruzzo, divenne ben presto il centro principale di produzione del confetto in Italia. Qui la famiglia Pelino avviò la propria avventura nel 1783.

Oggi giorno esistono confetti di ogni forma e colore, per accontentare i gusti di tutti e per dare la giusta intonazione ad ogni evento. Un’antica usanza detta gli abbinamenti di colore per gli avvenimenti principali della nostra vita:

Matrimonio: bianco o avorio
Battesimo: rosa o celeste pastello
Laurea: rosso
Anniversari di nozze: coperti di oro o argento

I Confetti Pelino vengono a tutt’oggi prodotti secondo l’antica ricetta tradizionale tramite l’uso di tecniche risalenti a più di trecento anni. Le mandorle vengono coperte di uno sciroppo di zucchero bianco o colorato e fatte girare in speciali bassine di rame fino al completamento del processo di confettatura. Inoltre i Confetti Pelino si distinguono per l’esclusiva formula che esclude l’uso di farine o amidi nel processo produttivo, rendendoli adatti ad una dieta gluten-free.

(Fonte confettimariopelino.com)

Di confetti, però, ormai ce ne sono di tutti i gusti e per tutte le occasioni, addirittura pare ne esistano 42 varianti tra le quali si può scegliere il gusto più adatto alla stagione nella quale ricorre il matrimonio, o la cerimonia che si vuole festeggiare.

Qualsiasi cerimonia si concluderà sempre con l’offerta dei confetti, sfusi su vassoi o in ciotole di cristallo, oppure confezionati.

Racchiusi anche in veli o scatoline per le bomboniere, i confetti possono essere 1, 3, 5 o 7…l’importante è che siano sempre in numero dispari, in altre parole indivisibile, come dovrebbe essere l’unione degli sposi (in caso di matrimonio).
La tradizione vuole che si utilizzino preferibilmente cinque confetti, come simbolo di salute, ricchezza, felicità, lunga vita e fertilità. Questa regola può valere per tutte le cerimonie, ma in realtà la nuova tendenza è quella di inserire molti più confetti all’interno della scatolina.

Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0

Alla scoperta della “Wedding Bag”

Molto di moda ultimamente, la Wedding Bag è diventata un must di molte cerimonie!

COS’E’?

La Wedding Bag non è altro che una piccola busta di carta o un sacchetto in pvc che viene dato in omaggio agli invitati…o meglio…alle invitate. 
I colori della bag sono quelli scelti dagli sposi per l’addobbo e per tutto il materiale realizzato. Una base chiara garantisce sempre la possibilità di “osare” accostamenti cromatici di ogni tipo, consigliamo sempre quindi di partire da una bag bianca, meglio se perlata, o avorio.
Molto gradito, negli ultimi tempi, è il colore “grezzo” tipico delle buste in carta kraft…un tono che si sposa bene con lo stile Shabby, specialmente se arricchito con l’applicazione di un centrino bianco.

COSA CONTIENE?

Non esiste una vera e propria “lista” che definisca il contenuto necessario di una Wedding Bag e quindi si può scegliere a proprio piacimento cosa inserire.
Normalmente non possono mancare fazzolettini di carta – per chi si commuove -, un piccolo e comodo ventaglio, specialmente per i matrimoni estivi, il sacchetto con il riso da lanciare agli sposi e poi è molto carino inserire qualche caramellina (in commercio si trovano di tante forme e colori), bolle di sapone che “soffiate” insieme al riso all’uscita degli sposi fanno un effetto davvero grazioso, una o due coccarde da applicare sull’auto, salviettine rinfrescanti se si ha a che fare con la canicola, oppure dei piccoli “scaldamani” per i matrimoni invernali.
La scelta poi è vastissima perché molti inseriscono una  bottiglietta di acqua, di quelle del formato più piccolo, un bigliettino di ringraziamento, la mappa per raggiungere la location del rinfresco, il libretto della liturgia e molto altro.

COME E QUANDO DISTRIBUIRE LE WEDDING BAGS?

In genere le borse vengono distribuite al momento dell’attesa degli sposi, davanti all’ingresso della Chiesa. E’ carino farle distribuire dalle damigelle o dai paggetti.
Spesso, però, gli sposi preferiscono, al contrario, farle distribuire a casa, prima di recarsi in Chiesa o in Comune.

WEDDING BAGS FAI DA TE, SI PUO’?

Certo che sì! E sicuramente si risparmia…a patto che si abbia tempo, pazienza e un pizzico di manualità con colla a caldo e materiali e con gli acquisti online.
 
 
Ti è piaciuto? Condividilo 🙂
0